15 novembre 2018

Spiagge di Simius a Porto Giunco

By on 6 marzo 2015 0 896 Views

Gli itinerari per scoprire l’ambiente sono tanti e tutti consentono di conoscere realtà diverse che in comune hanno il fascino del selvaggio e il bello della vacanza.

Quello che corre dalla spiaggia di Simius fino a Porto Giunco si può tranquillamente percorrere a piedi, con tanto di maschera e boccaglio a portata di mano. Si parte dalla spiaggia  e ci si dirige verso sinistra. Dopo qualche minuto davanti a voi si aprirà una bella e piccola caletta, intima e poco affollata. Indossate la maschera, rivolgetevi verso il mare aperto e seguendo la linea immaginaria che il chiosco sulla spiaggia traccia in direzione del mare, con poche bracciate vi troverete nella secca dei pesci balestra, amatissima dagli innocui pesci tropicali  che pare mangino direttamente dalle mani dei bagnanti.

Ritornati a riva potreste visitare il giardino degli animali, di proprietà del TankaVillage e dedicato al divertimento dei più piccoli. Si tratta di un piccolo giardino recintato che ospita cigni, cervi, daini, ma anche oche, maialini, tacchini e pony.villasimius-sardegnasudest 686

Proseguendo si raggiunge presto il monte di sabbia che separa la bella Simius da Cala Giunco e la spiaggia di Notteri. Scalare la duna è semplice e dalla cima si potrà godere di una bellissima visuale.

La curiosità probabilmente vi spingerà a visitare lo stagno salato di Notteri, dove non di rado si possono ammirare favolosi fenicotteri rosa. A questo punto desidererete d’aver con voi un binocolo o una macchina fotografica.

Percorsa tutta la spiaggia di Cala Giunco si raggiungerà il porticciolo, custodito in una piccola e intima cala. Era utilizzata in passato dai pescatori e dagli scalpellini della Cava Usai come luogo d’approdo sicuro. E proprio da questa caletta che parte il sentiero che vi condurrà direttamente all’antica torre spagnola che gode di un panorama meraviglioso.

campulongu