17 Ottobre 2019

Scoprire i fondali con l’autorespiratore

By on 6 Ottobre 2014 0 594 Views

Immergersi con l’autorespiratore, in compagnia di guide esperte, consentirà di ammirare paesaggi insoliti, abitati non solamente da pesci di notevoli dimensioni, fra cui i dentici, le corvine, le cernie, le spigole e addirittura i delfini, ma anche da favolosi coralli.

Il corallo rosso è definito non a caso il tesoro del mediterraneo: fin dalla più remota antichità ricercato e prezioso oggi è una vera e propria rarità. Normalmente si sviluppa in luoghi tranquilli, meglio se grotte ben protette a profondità che delle volte raggiungono i 100 metri.

Simile al corallo è la gorgonia rossa, che somiglia piuttosto a dei rami colorati. Si presentano in forma di ventaglio che possono raggiungere addirittura il metro d’altezza e la loro crescita è particolarmente lenta. Abitano fondali profondi fino a 100 metri e strapparli al loro habitat è inutile dato che all’aria perdono i fantastici colori di cui godono. DSCN0661

I più fortunati potranno ammirare in immersione anche la gorgonia bianca, molto simile alla rossa. Cresce in acque meno profonde, e viene raggiunta da deboli raggi solari. Non di rado gode di meravigliose sfumature rosse.

Bella sorpresa è anche la margherita di mare, che si sviluppa in cespi simili a quelli delle margherite di terra,  e si fissa alle rocce. La bocca è di queste margherite è circondata da numerosi tentacoli sottili e lisci (tra i 24 ed i 36),  che ricorda una corolla con tanto di petali. Le si può ammirare all’ingresso di grotte o in pareti poco illuminate a profondità che arrivano fino ai 100 metri.

Riconoscere il dentice è semplice: è dotato di un corpo robusto e ovale, ma anche alto e compresso. La colorazione è tipicamente argentea con sfumature rosee. Il tratto caratterizzante del dentice è la bocca, dotata di denti grossi con forma di piccoli canini. Incontrarlo è raro dato che si tratta di un pesce particolarmente sagace e diffidente, lungo fino ad un metro.

 

La corvina è invece scura, grande e lunga fino a 70 centimetri. E’ a tutti gli effetti uno dei pesci più eleganti che potrete ammirare, con tanto di riflessi metallici e bordi delle pinne bianchi. Quel che sorprende delle corvine, che vivono in piccoli branchi, sono i suoni che emettono, utilizzati per comunicare fra loro.

Maestosa e raffinata, chi incontra una cernia si può dire davvero fortunato: si tratta di pesci che possono raggiungere il metro di lunghezza, con corpo tozzo e massiccio, dotati di grande testa e di coda piccola e rotonda. Colorate di un rosso scuro con tanto di macchie chiare, le cernie amano vivere in fondali rocciosi, nei quali facilmente trovano tane nelle quali nascondersi. Durante la sua vita, la cernia cambia sesso: nasce maschio e superati i 60 centimetri circa diventa femmina.

Le coste villasimiuesi danno ospitalità anche a bellissime spigole ed orate,  che in mare crescono molto più di quanto si possa immaginare. Alcuni esemplari di orata misurano addirittura 70 centimetri di lunghezza, mentre le spigole adulte possono crescere fino al metro.

Durante le escursioni in barca si potrà avere anche la fortuna di incontrare gruppi di delfini: hanno un dorso arrotondato e lucido, dotato di una bella pinna triangolare.

sardegnasudest-relitto-5