15 novembre 2018

La Chiesetta di Santa Maria

By on 31 ottobre 2008 0 395 Views

Quella che oggi a noi appare piccola chiesetta fuori porta,  solitaria e sempre ravvivata da lumi, ospitata da quella piana detta di Santa Maria, è un edificio ricco di storia e fascino. Facilmente visibile a lato strada, l’edificio doveva essere parte integrante di una villa rustica romana eretta non più tardi del  I sec. d.C.

Revolution Slider ERRORE: Slider with alias SantaMaria not found.
Maybe you mean: 'hometop' or 'slider2' or 'post' or 'slider4'

Assolveva ad una funzione di piccolo edificio termale, dotato di un calidarium,  ossia un ambiente d’accesso riscaldato e di due praefurnia, che ospitavano i fuochi il cui scopo principale era quello di riscaldare il vano principale. Ancora oggi sono visibili frammenti di quella cinta muraria, costituita da mattoni di granito estratto in zona e legati da malta di calce.

Quella romana però non è l’unica fase storica vissuta da quel piccolo e pittoresco edificio, dato che anche durante il cristianesimo, ha avuto la sua fetta di gloria. In questo frangente il calidarium perdendo le sue funzioni precedenti, continuerà ad ospitare la statua di una matrona romana, risalente al I sec. d.C.  ancora oggi è conservata nel Museo Archeologico di Villasimius. Per i cristiani la statua diventerà rappresentazione della Madonna e l’edificio verrà reimpiegato per il culto.

Infine nella zona occidentale, sottostanti al pavimento e risalenti al periodo imperiale e Alto Medievale, sono state ritrovate interessanti sepolture. L’ultima ricostruzione della chiesetta di Santa Maria, che ancora sfida il trascorrere del tempo, risale al 1920.

La chiesa è ancora oggi visitabile e l’ingresso è libero.